Advances in CAR T-cell Therapy
ASH American Society of Hematology
EHA European Hematology Association

Quizartinib o placebo con la chemioterapia di induzione e consolidamento e mantenimento nei pazienti con nuova diagnosi di leucemia mieloide acuta FLT3-ITD-positiva


Duplicazioni in tandem interne ( ITD ) sono mutazioni FLT3 comunemente osservate nella leucemia mieloide acuta ( AML ) e sono un fattore prognostico molto negativo per la durata della risposta e la sopravvivenza globale.
Mentre la chemioterapia standard induce un alto tasso di remissione completa nella leucemia mieloide acuta FLT3-ITD, il tasso di recidiva è elevato, con un tempo mediano alla ricaduta di circa 6 mesi rispetto a 9-11 mesi per gli altri sottotipi di leucemia mieloide acuta.
Attualmente, non esistono terapie approvate che abbiano come bersaglio le mutazioni FLT3-ITD.

Quizartinib è un inibitore FLT3-ITD orale, molto potente e selettivo. La monoterapia con Quizartinib porta a tassi di risposta completa composita fino a circa il 46% nella leucemia mieloide acuta FLT3-ITD+ recidivata / refrattaria.
Quizartinib è stato somministrato con sicurezza con la chemioterapia standard nei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi.

E’ stato descritto uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio-cieco, controllato con placebo, di Quizartinib in combinazione con induzione e consolidamento e come mantenimento nei pazienti con leucemia mieloide acuta FLT3-ITD+.

Sono ritenuti eleggibili i pazienti di 18-75 anni con leucemia mieloide acuta FLT3-ITD+ di nuova diagnosi.

Durante induzione, la Citarabina 100 mg/m2/die sarà data per 7 giorni assieme con l’antraciclina scelta dallo sperimentatore ( Daunorubicina 60 mg/m2/die o Idarubicina 12 mg/m2/die ) nei giorni 1-3.
Quizartinib / Placebo sarà dato ogni giorno per 14 giorni a partire da C1 D8.
Se i pazienti richiedono un secondo ciclo di induzione, si può scegliere un regime standard 7 + 3 oppure 5 + 2 con Quizartinib / Placebo su D8 o 6, rispettivamente.

I pazienti che raggiungono remissione completa, remissione completa con recupero delle piastrine incompleto ( CRp ), o remissione completa con incompleto recupero dei neutrofili ( Cri ) dopo induzione riceveranno consolidamento.

Le opzioni includono Citarabina ad alto dosaggio più Quizartinib / Placebo, trapianto di cellule staminali allogenico ematopoietico ( alloHSCT ), oppure Citarabina ad alto dosaggio più Quizartinib / Placebo seguita da alloHSCT.

I pazienti con remissione completa, remissione CRp, o remissione CRi dopo consolidamento riceveranno terapia di mantenimento con Quizartinib / Placebo per un massimo di 12 cicli.

L'endpoint primario è la sopravvivenza libera da eventi e i principali endpoint secondari sono la sopravvivenza globale, i tassi di remissione completa, tassi di remissione completa composita, e percentuali di pazienti che ottengono remissione completa senza evidenza di malattia minima residua ( MRD ) a seguito di induzione.
La malattia minima residua sarà valutata mediante un test PCR che rileva la residua mutazione FLT3-ITD.
Lo studio arruolerà circa 536 pazienti in 250 Centri in tutto il mondo. ( Xagena2016 )

Erba HP et al, J Clin Oncol 2016; 34 ( suppl; abstr TPS7073 )

Xagena_OncoEmatologia_2016



Indietro