Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore Mammella
Tumore Vescica

La combinazione Obinutuzumab e Venetoclax è attiva nella leucemia linfatica cronica


Lo studio di fase 2, CLL2-BAG, in aperto, ha mostrato che la Bendamustina ( Levact ) seguita da Obinutuzumab ( Gazyvaro ) e Venetoclax ( Venclyxto ) è apparsa sicura ed efficace nel trattamento dei pazienti affetti da leucemia linfatica cronica.

Il 95% dei pazienti che hanno completato almeno due cicli di induzione hanno presentato risposte; non sono state osservate tossicità inaspettate o cumulative.

L'analisi comprendeva 66 adulti ( età media, 59 anni, 76% uomini ) con leucemia linfatica cronica; 35 di questi erano naive al trattamento, e 31 avevano una malattia recidivata o refrattaria.

Pazienti con alto carico tumorale sono stati sottoposti a citoriduzione ( debulking ) con due cicli di Bendamustina 70 mg/m2 per via endovenosa sul primo e il secondo giorno di ogni ciclo di 28 giorni.

La fase di induzione ha incluso sei cicli di 1.000 mg per via endovenosa ( IV ) di Obinutuzumab nei giorni 1, 2, 8 e 15 per il primo ciclo di induzione e ogni 4 settimane nei cicli 2 fino a 6; Venetoclax per os è stato iniziato durante il ciclo 2 a 20 mg/die con incremento della dose settimanale nell'arco di 5 settimane a una dose target di 400 mg al giorno.

Durante la fase di mantenimento, i pazienti hanno ricevuto 1.000 mg di Obinutuzumab ogni 12 settimane e Venetoclax fino a 24 mesi.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) secondo la valutazione dello sperimentatore ha rappresentato l'endpoint primario.

Gli sperimentatori hanno escluso tre pazienti dall'analisi di efficacia, perché avevano ricevuto meno di due cicli di terapia di induzione.

Il periodo di follow-up mediano è stato di 16 mesi.

Alla fine del periodo di induzione, il 95% dei pazienti ( IC 95%, 87-99 ) aveva risposto, compreso il 100% ( n=34 ) dei pazienti naïve-al-trattamento e il 90% ( n=26 ) dei pazienti con recidiva o refrattario al trattamento.

L'87% ( n = 55 ) dei pazienti ha raggiunto negatività per la malattia minima residua nel sangue periferico.

I ricercatori hanno incluso tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio nell'analisi di sicurezza.

I più comuni eventi avversi di grado 3 o di grado 4 osservati durante debulking hanno incluso neutropenia ( 11% ), anemia ( 11% ), trombocitopenia ( 6% ) e infezione ( 6% ).
I più comuni eventi avversi di grado 3 o di grado 4 osservati durante la fase di induzione hanno incluso neutropenia ( 44% ), infezione ( 14% ), trombocitopenia ( 12% ), reazione correlata all'infusione ( 8% ) e malignità primaria secondaria ( 6% ).

Nel complesso, sono stati riscontrati 89 gravi eventi avversi, tra cui 69 sono stati considerati correlati al trattamento, i più comuni dei quali erano infezioni e citopenia.

Ci sono stati 5 decessi tra i pazienti recidivati o refrattari, compreso tre casi di sepsi ritenuti correlati al trattamento e due di trasformazione di Richter che non sono stati collegati al trattamento. ( Xagena )

Fonte: Lancet Oncology, 2018





Indietro