Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori testa-collo

Nilotinib dopo Imatinib in prima linea per la leucemia mieloide cronica in fase cronica


Uno studio prospettico osservazionale ha arruolato 150 pazienti adulti con leucemia mieloide cronica ( LMC ) in fase cronica ( CP ) trattati con Nilotinib ( Tasigna ) come seconda linea dopo Imatinib ( Glivec ), in un contesto di vita reale in Francia.
Due terzi dei pazienti sono passati al trattamento con Nilotinib a causa della mancanza di efficacia di Imatinib.

Su 146 pazienti valutabili, 16 ( 11% ) ottenuto uMR4 ( risposta molecolare 4 non-rilevabile ), definita come malattia molecolare non-rilevabile in cDNA con sensibilità MR4 ( maggiore o uguale a 10.000 trascritti ABL1 ) a 18 mesi e confermata a 24 mesi ( endpoint primario ).

Tra i pazienti senza risposta molecolare maggiore ( MMR ) o risposta molecolare profonda ( DMR ) all'ingresso nello studio, il 66.3% ha raggiunto MMR e il 44.2% DMR entro una media di 5.7 e 6.24 mesi, rispettivamente.

53 pazienti ( 36.3% ) hanno interrotto prematuramente lo studio prima di 24 mesi di follow-up, principalmente a causa dell'interruzione del trattamento con Nilotinib ( n=43; 29.5% ), motivata soprattutto dall'intolleranza al trattamento ( n=27; 18.5% ) e dall’inefficacia ( n=10; 6.8% ).

Gli eventi avversi extra-ematologici più frequenti correlati al trattamento con Nilotinib sono stati prurito ( 16.4% ), astenia ( 13.7% ) e pelle secca ( 13.0% ).
Sono stati segnalati eventi cardiovascolari ischemici in 18 pazienti ( 12.3% ).

Questa grande coorte a livello nazionale ( Francia ) aggiunge preziose informazioni alle evidenze sull'efficienza e sulla sicurezza di Nilotinib nel trattamento dei pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica. ( Xagena )

Cony‐Makhoul P et al, Br J Haematol 2018; 180: 356-364

Xagena_OncoEmatologia_2018



Indietro